26 marzo 2012

E’ in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 13 marzo 2012 del Presidente del Consiglio, che riguarda la programmazione dei flussi di ingresso dei lavoratori extracomunitari stagionali per l’anno 2012.

Il decreto prevede una quota massima di ingressi per 35.000 cittadini stranieri residenti all’estero, da ripartire tra le regioni e le provincie autonome a cura del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e stabilisce l’ingresso di lavoratori subordinati stagionali non comunitari di : Albania, Algeria, Bangladesh, Bosnia- Herzegovina, Croazia, Egitto, Repubblica delle Filippine, Gambia, Ghana, India, Kosovo, Repubblica ex Jugoslavia di Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Ucraina e Tunisia.

Lo stesso provvedimento consente l’ingresso anche ai lavoratori non comunitari, cittadini dei Paesi indicati sopra e che rientrano nella stessa quota prevista, che siano entrati in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presente richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale. In questo caso il datore di lavoro potrà presentare richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale.

Inoltre, prevede l’ingresso di 4.000 cittadini stranieri non comunitari residenti all’estero che abbiano completato programmi di formazione ed istruzione nel paese di origine.

Le domande di nulla osta al lavoro stagionale (mod. C - stag.) e le domande relative alla richiesta di lavoro subordinato non stagionale ai sensi (mod. BPS) possono essere presentate, come già avvenuto negli anni precedenti, esclusivamente con modalità informatiche. Le procedure riguardanti la registrazione dell’utente, l’invio delle domande e la verifica dello stato di avanzamento della pratica dono identiche a quelle degli anni precedenti.

Anche il sito è sempre lo stesso: http://nullaostalavoro.interno.it/

Importanti novità rispetto agli anni precedenti:

Qualora lo Sportello Unico per l’Immigrazione, decorsi i venti giorni previsti per legge, non comunichi al datore di lavoro il proprio parere negativo, la richiesta si intende accolta, nel caso via siano le seguenti condizioni:
a) la richiesta riguardi uno straniero già autorizzato l’anno precedente a prestare lavoro stagionale presso lo  stesso datore di lavoro richiedente;  b) il lavoratore stagionale nell’anno precedente sia stato regolarmente assunto dal datore di lavoro e abbia  rispettato le condizioni indicate nel permesso di soggiorno.

Molto importante:

A partire dalle ore 8.00 del 21 marzo è disponibile il modulo della domanda da trasmettere online.

Si informa, però, che il decreto è ancora in corso di registrazione presso la Corte dei Conti. Per poter inviare la domanda da compilare online bisognerà attendere che il decreto venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. La comunicazione della pubblicazione sarà data sul sito del Ministero dell’interno (www.interno.it) e sul sito del ministero del lavoro e delle politiche sociali (www.lavoro.gov.it)

L’invio delle domande sarà possibile dalle ore 8.00 del giorno successivo alla pubblicazione del decreto e sino alle ore 24.00 del 31 dicembre 2012.

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.interno.it

blog comments powered by Disqus